Archives:
luglio 2010

Expo di Shangai: il padiglione UBPA B3-2

Il padiglione realizzato dallo studio Archea all’interno della Urban Best Practices Area all’Expo di Shangai: l’involucro si definisce come un luogo di passaggio all’interno di un contesto più vasto, declinando il tema della scatola neutra attraverso un particolare trattamento della superficie, memore delle opere di Castellani e delle esperienze optical.

La Black Sea University di Tbilisi (Georgia)

Lo studio F&P Freyrie e Pestalozza Architetti Associati ha progettato il masterplan e gli edifici più rappresentativi di un campus universitario che arriverà a ospitare 15mila studenti: ricusato un linguaggio magniloquente, l’architettura si propone di favorire la crescita culturale e l’interazione tra i suoi ospiti.

“Mapping Contemporary Venice”

La riprogettazione della città in un evento collaterale alla Mostra Internazionale di Architettura: in mostra presso la Venice International University i taccuini Moleskine, che raccolgono visionarie proposte progettuali firmate da rinomati architetti ed emergenti.

“I gemelli Fahrenheit” di Michel Faber (Einaudi, 2006)

Trovando Michel Faber tra gli ospiti dell’edizione 2010 de La Milanesiana, ho realizzato di non aver mai reso pubblica questa recensione, relativa alla sua raccolta di racconti “I gemelli Fahrenheit”: a ragione lo scrittore è stato considerato un esperto di paradossi, il tema del festival, perché la sua stessa scrittura esula dalla canonica interpretazione dei rapporti tra soggetto e narrazione, autore e lettore, instaurando legami alternativi che resistono nonostante funzionino contro la logica comune.

Cronaca “Milanesiana” di una serata con Jonathan Coe e Patrick McGrath

Ho assistito finalmente a una delle serate de “La Milanesiana”, definito “Festival di Letteratura Musica Cinema Scienza”; per una volta, ammettiamolo, tanta prosopopea è giustificata dal cartellone. Solo lunedì erano ospiti Jonathan Coe, Patrick McGrath, George Romero e il trio sperimentale FGS, di cui fa parte Paolo Fresu. Tutti gli ospiti erano chiamati a dibattere a proposito dei Paradossi della Normalità, com’è stato declinato il filo conduttore di tutti gli eventi in programma quest’anno a Milano, dal 5 al 19 luglio.

Steven Holl: “Su Pietra”

In mostra a Lecce, presso il Castello di Acaya, le recenti realizzazioni dello studio Steven Holl Architects compiute o in procinto di essere ultimate in Cina ed Europa: un viaggio all’interno del processo creativo del team di New York, diviso tra la ricerca di una nuova spazialità per le moltitudini e del più genuino rapporto con il paesaggio naturale, incontaminato.

Il Toolbox di Caterina Tiazzoldi

Un “incubatore professionale” che Caterina Tiazzoldi ha derivato dallo sperimentale metodo combinatorio “Adaptable Component”, una ricerca condotta in ambito accademico tra il Politecnico di Torino e la Columbia University: un’unica idea progettuale, applicata a pochi elementi, viene declinata in tante varianti di sistema.

Abitare a Milano / 1 – via Civitavecchia

Il progetto dello studio Consalez Rossi architetti associati, con Vudafieri Saverino Partners, media tra il Parco Lambro e la città, creando sullo stretto lotto a disposizione un complesso digradante che comprende due tipologie residenziali e una serie di servizi.

A Dura Europos il Premio Internazionale Carlo Scarpa per il Giardino

All’antica città siriana il riconoscimento assegnato dalla Giuria Internazionale del Premio, promosso dalla Fondazione Benetton Studi Ricerche e assegnato ogni anno a un sito per la ricchezza del suo patrimonio, paesaggistico e culturale

Tag Cloud

 

Featured picture
Licenza Creative Commons
La Traccia by Caterina Porcellini is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.
Software Design & Development StefanoAI