Di elezioni e democrazia, in Afghanistan e altrove

L’Afghanistan è un Paese che, una testimonianza dopo l’altra, mi sta dimostrando di tenere al proprio futuro con molta più foga e convincimento di quanto io, occidentale abituata a dare tutto per garantito, avrei mai potuto immaginare.

Pendolarismo creativo / 3 – I nonluoghi

La logica delle funzioni complesse pare sempre più estranea alle menti dei progettisti di spazi e infrastrutture pubbliche. Parlo per Milano e il suo hinterland, naturalmente, e ovviamente da pendolare incazzato. Ma le stazioni di Milano Centrale e Porta Garibaldi recentemente ristrutturate, o quella di Rho Fiera costruita ex novo, sembrano essere state costruite apposta per darmi ragione. (Senza con ciò placare in alcun modo la mia ira.)

Ogni Capodanno è paese

Visto il successo della newsletter in tempo reale che trasmettevo ai miei più fedeli lettori via sms, per il pubblico sollazzo replico qui le mie sommamente ignoranti considerazioni in merito a Berlino, (im)maturate durante il breve soggiorno di Capodanno.

Pendolarismo creativo / 2: “Ma in Polonia come fanno?”

Rapallo, ore 8 del mattino (e così a oltranza): nessun treno nuovo sul fronte orientale (della Liguria). Cronaca in tempo reale di quello che si riduce a fare un comune pendolare, che non può giungere a Milano neppure predisponendosi a un’odissea di quattro o cinque ore su convogli sovraffollati. Annichilita persino l’abnegazione, che pure è proverbiale in coloro che utilizzano per principio i mezzi pubblici. Non resta, allora, che fare appello alle proprie energie più recondite: un improbabile spirito natalizio, per esempio…

Pendolarismo creativo

Una conversazione telefonica realmente occorsa. Special-K: Indovina dove sono. Suggerimento: statisticamente, è il luogo dove ho passato più tempo negli ultimi sei mesi. Il Paladino: La redazione! Special-K: Ebbene, no. Il Paladino: Allora sei a […]

ll caso di Eluana Englaro continua a suscitare polemiche

Ho scritto stamattina questo articolo cercando di essere il più imparziale possibile, a tal fine riportando quante più informazioni e opinioni sono riuscita a reperire. Questo perchè ho il fermo sospetto che della vicenda si […]

La conoscenza non è una donazione: a difesa della democrazia

Ho seguito con malcelato entusiasmo l’ondata di protesta (il termine rivolta mi sembra sia fuori luogo, ancora) che ha investito gli istituti scolastici italiani di ogni grado al prospettarsi della paventata “riforma dell’istruzione” ad opera […]

Al Ministro Mara Carfagna: quali Pari Opportunità?

“C’è un maschilismo imperante, ignoranza nei confronti delle donne che fanno politica: vige l’idea che l’uomo è potente e che merita quella posizione, mentre la donna o è stata fortunata oppure abile a sfruttare certe […]

Quanto è diventato facile degenerare?! Una testimonianza diretta di cronaca nera

Collutazione in treno: telefono cellulare usato come arma All’arrivo nella stazione di Legnano (erano le 23.20 circa di ieri sera), le porte automatiche del treno suburbano 23071 (diretto a Pioltello) si sono aperte mostrando una […]

Considerazioni sulla scrittura e la comunicazione

In questi pochi mesi di tentativi “giornalistici”, mi sono giunte a più riprese critiche sul mio stile di scrittura. Tendo a un’eccessiva complessità, le mie spiegazioni puntano troppo sugli aspetti “tecnici”, gli argomenti scelti non sono d’interesse presso il grande pubblico. Portata all’eccesso, però, la semplicità diventa arbitraria semplificazione. Anche nel pensiero, il quale non sarà più in grado di afferrare processi più articolati.

Tag Cloud

 

Featured picture
Licenza Creative Commons
La Traccia by Caterina Porcellini is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.
Software Design & Development StefanoAI