23.Mar.10

Ocean Pearl

Varata a La Spezia, sabato 13 marzo, la seconda unità della flotta di YachtPlus, leader mondiale nella proprietà frazionata di super-yacht: curata fin nel minimo dettaglio, l’imbarcazione porta la prestigiosa firma dello studio di Norman Foster.

By

Sabato 13 marzo, a Porto Mirabello (La Spezia), è stato presentato Ocean Pearl, il super-yacht con scafo e sovrastruttura in alluminio di 41 metri. Gemello di Ocean Emerald, a questo va ad aggiungersi nella costituzione della flotta progettata da Foster+Partners per l’offerta Yacht Plus dei prossimi quattro anni.

Ocean Pearl - prua

Alla base del progetto realizzato da Norman Foster e collaboratori, le particolari esigenze della committenza. A ciascun proprietario, Yacht Plus offre infatti, tramite una quota d’acquisto di 2 milioni di euro, di navigare per 30 notti l’anno a bordo di qualsiasi yacht della flotta che, una volta completata, sarà distribuita lungo gli itinerari nel Mediterraneo e sui Carabi: il principio secondo il quale l’armatore troverà ogni volta “la barca che ama nel luogo che ama, quando vuole” ha portato di necessità a progettare degli spazi interni gestibili con la massima flessibilità e che, soprattutto, potessero incontrare il gusto di una committenza allargata (in particolare, al mondo anglosassone).

Ocean Pearl è dunque un inno all’eleganza senza tempo, che si esprime nella cura del dettaglio più che nell’ostentazione del lusso. Per esempio, tutti i mobili interni (realizzati da Cassina) seguono il disegno originale di Foster, mentre il Corian® utilizzato per i soffitti è stato lavorato fino a raggiungere una particolare trasparenza.
Lo studio ha dunque rivisitato in chiave tecnologica il meglio della tradizione nautica, che viene fornita di tutti i comfort del XXI secolo e di un’inedita fruibilità degli spazi vivibili. Questi si estendono per 553 mq, metà della cui superficie è esterna (con un incremento del 30% rispetto allo standard degli yacht da 40 metri).
Grande attenzione viene riservata dunque all’idea della vita in mare. Le partizioni interne seguono allora il profilo tondeggiante dello scafo e la suite destinata all’armatore è disposta in modo da seguire la direzione di navigazione. Ogni divisione tra interno ed esterno viene dissolta grazie alle ampie vetrate, che forniscono alle stanze una visione panoramica, e al senso di continuità creato dalla pavimentazione in tek, che prosegue senza soluzione di continuità dal main deck al vasto salone principale.

Salone principale - main desk

I vari livelli dell’imbarcazione sono connessi mediante una scala a spirale in vetro: anche i livelli più bassi dello yacht vengono così illuminati dal sole che batte sul solarium. Le finiture riflettenti sulle pareti massimizzano poi la luminosità disponibile ai piani inferiori. La risultante chiarezza delle linee reinterpreta così in modo sorprendente il tradizionale design interno delle barche. Lo scenico sistema d’illuminazione a LED integrato ai soffitti caratterizza l’atmosfera di ogni stanza, contribuendo alla trasformazione dello spazio e assicurando nel contempo la giusta privacy.

Tag:, , , , , , , , , , ,

Post a Comment

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*

Tag Cloud

 

Featured picture
Licenza Creative Commons
La Traccia by Caterina Porcellini is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.
Software Design & Development StefanoAI