26.Lug.08

Bjork in concerto – Roma, venerdì 25 luglio

Il fuoco di Bjork incendia Roma Qualcuno ha mai ascoltato uno dei primi lavori di Bjork, all’inizio degli anni Ottanta? Era talmente giovane che ancora cantava in islandese e si sforzava di contenere la propria […]

By

Il fuoco di Bjork incendia Roma

Qualcuno ha mai ascoltato uno dei primi lavori di Bjork, all’inizio degli anni Ottanta? Era talmente giovane che ancora cantava in islandese e si sforzava di contenere la propria esuberanza all’interno dei canoni, già molto flessibili, dell’improvvisazione jazz. Eppure, qualcosa stonava. Era lei! Urlava, andava fuori tempo, rendeva incomprensibili testi già non particolarmente intellegibili, per chi non viva nei dintorni del circolo polare artico.
“Ricerco sempre parole che abbiano una qualche energia”. Ormai è evidente, che Bjork assomigli ad uno di quei geiser del suo paesaggio natale. Per quanto sia riuscita a scrivere anche una canzone per Madonna (Bedtime Story), la sua parabola artistica è all’insegna di una sperimentazione continua (una per tutte: l’album Medulla consiste interamente di registrazioni vocali della cantante e dei suoi collaboratori, per un risultato difficilmente ascoltabile). L’artista si pone nel campo musicale alla stregua del posto che il marito Matthew Barney occupa in ambito artistico: una congiunzione più unica che rara tra arte pop (ovvero di successo) ed avanguardia.
Con il suo ultimo album, Volta, Bjork sembra aver fatto ritorno al sound più energico e meno circostanziato delle origini. Brani come Earth Intruders o Declare Indipendence illustrano poeticamente la sua posizione nei confronti di un’umanità sempre più incline a sfruttare la terra e a plasmarla a proprio piacimento. Al progetto hanno collaborato anche artisti come Timbaland (co-producer di Justin Timberlake, Nelly Furtado e Madonna), Antony Hagarty (degli Antony &The Johnson) e Konono n.1.
Nell’ambito della rassegna Luglio suona bene 2008, la Fondazione Musica per Roma ha l’onore (e l’ardire) di ospitare la prima data italiana del Volta Tour, che la cantante islandese sta portando in giro per il mondo come un’esperienza multisensoriale più che una semplice serie di concerti. Se a Shangai Bjork inneggiava all’indipendenza del Tibet, cosa avrà da dire agli italiani? Si scoprirà presto.

Quando: venerdì 25 luglio, ore 21.00
Dove: Cavea, Parco Auditorium della Musica, Roma
Biglietti: da 60 a 120 euro
Vendite: 199.109.783

Tag:, , , , , , , , , , , ,

Post a Comment

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*

Tag Cloud

 

Featured picture
Licenza Creative Commons
La Traccia by Caterina Porcellini is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.
Software Design & Development StefanoAI