24.Giu.09

“Un pandemonio” a Palazzo Reale: la Scapigliatura messa in mostra

Per contrastare l’esterofilia cui spesso tende il gusto italiano, quest’estate Palazzo Reale riserva parte dei propri spazi a un movimento storico e artistico che poco o nulla deve a influenze straniere: inaugura a Milano, venerdì 26 giugno, la mostra Scapigliatura – Un pandemonio per cambiare l’arte.

By

Fu Cletto Arrighi, scrittore e patriota sotto pseudonimo, a battezzare così i ribelli meneghini del suo romanzo Scapigliatura e il 6 febbraio, dove gli animi scontenti vengono descritti come il “vero pandemonio del secolo”. Come dargli torto, dal momento che (tanto nella finzione letteraria quanto nella realtà) gli scapigliati furono innanzitutto i fieri oppositori di ogni ordine stabilito, a partire da quello appena instaurato nell’Italia postunitaria. Declamavano una spregiudicata indipendenza, questi letterati e creativi, dai valori della borghesia di cui non apprezzavano neppure la salute, per non parlare delle regole accademiche.

Luigi Conconi

Prima che per un intrinseco valore estetico, la scapigliatura sale innanzitutto agli onori della storia, attestandosi tra quei movimenti in cui la contestazione (sociale e non solo) trova adeguato corrispettivo nell’espressione. Tant’è, quando Scurati permette a Gaspare Campari d’inventare il Negroni in onore degli scapigliati, per quanto si sappia che è “una storia romantica” al pari del romanzo di cui fa parte, non si può che riconoscere quanto stia bene l’invenzione all’interno di un simile contesto.

Courtesy of DaringToDo.
L’articolo, nella sua completezza, potrete leggerlo cliccando qui.

Tag:, , , , , , , , , , , , ,

Post a Comment

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*

Tag Cloud

 

Featured picture
Licenza Creative Commons
La Traccia by Caterina Porcellini is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.
Software Design & Development StefanoAI