29.Ott.12

Social Design | Giappone: Home for All, anche in Biennale

Il Giappone porta in mostra alla 13. Biennale di Architettura di Venezia il senso di comunità che gli è proprio, delicatamente espresso da Toyo Ito – curatore del Padiglione nazionale – attraverso il racconto della progettazione di Home for All: un ritrovo per le vittime dello tsunami del 2011, così che possano mantenere i loro legami anche all’interno dei campi d’accoglienza

By

Nell’assegnare il Leone d’Oro al Giappone per la migliore partecipazione nazionale, la giuria della 13. Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia ha espresso un giudizio incontestabile, perché davvero è difficile non restare “impressionati dall’umanità di questo progetto“.
Home for all, la cui gestazione viene ripercorsa nel Padiglione giapponese, è in effetti un progetto umanitario, ideato da Toyo Ito per offrire ai cittadini colpiti dallo tsunami (nel 2011) luoghi di ritrovo e socializzazione che tenessero in vita i legami comunitari, nonostante il temporaneo isolamento cui i rifugiati erano costretti negli alloggi d’emergenza.
Dal momento che la giuria della Biennale ha citato l’efficacia nell’esposizione (“eccezionale e largamente accessibile a un vasto pubblico“) tra le motivazioni all’assegnazione del Leone d’Oro, non resta che lasciare la parola allo stesso Toyo Ito per conoscere il common ground su cui si basa il progetto:

I piani di ricostruzione che vengono dall’alto insistono sulla sicurezza, ignorando la memoria propria del luogo e affidandosi piuttosto a metodi modernisti. Smantellando la relazione tra la gente e il mondo naturale, e le connessioni interpersonali che costituiscono l’eredità storica della regione, le istituzioni premono per dei piani che dipendono dall’ingegneria civile. Ma gli individui, dotati di una volontà così forte che sperano di tornare nella propria terra d’origine, sono persone che aspirano a un futuro connesso con il passato, mediante l’utilizzo di quanto è rimasto come appiglio, punto di partenza. Gli architetti sono capaci di aiutarli a raggiungere i loro obiettivi?

Da qui il titolo del Padiglione – Architecture. Possible here? – e il progetto Home for All, sviluppato da Toyo Ito grazie a una campagna di raccolta fondi e, soprattutto, l’apporto costante dei cittadini interessati dall’iniziativa. Nel caso della prima Casa, realizzata lo scorso autunno nella prefettura di Kumamoto, coloro cui toccava costruire la struttura e quelli che ne avrebbero usufruito hanno infatti preso parte a tutte le fasi di progettazione ed edificazione.

Cliccando qui, è possibile leggere il resto dell’articolo sul portale Living24.it.

Related post:

Tag:, , , , , , ,

Post a Comment

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*

Tag Cloud

 

Featured picture
Licenza Creative Commons
La Traccia by Caterina Porcellini is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.
Software Design & Development StefanoAI