06.Lug.07

Arman – JZ Art Trading, Milano

Che ci fa l’anticipatore della rivoluzione sessantottina, il vandalo dell’arte nella galleria più glamour di Milano? Avanza qualche critica velata, tra luccicori metallici e patinature plastiche. L’ultima produzione di Armand Fernandez, alias Arman (Nizza, 1928 […]

By

Che ci fa l’anticipatore della rivoluzione sessantottina, il vandalo dell’arte nella galleria più glamour di Milano? Avanza qualche critica velata, tra luccicori metallici e patinature plastiche.

L’ultima produzione di Armand Fernandez, alias Arman (Nizza, 1928 – New York, 2005), a prima vista è imputabile di connivenza con quell’industria del consumo verso cui lo stesso artista, anni addietro, aveva dimostrato tanto accanimento distruttivo. Letterale: Luca Beatrice non manca di ricordare che Arman faceva saltare costose automobili con la dinamite, negli anni Sessanta. Eppure, ora come ora l’insistenza sul passato eroico dell’artista risulta inopportuna, quando la retrospettiva ha luogo in una centralissima galleria della Milano più modaiola. Del resto, Pierre Restany aveva profetizzato che, una volta entrato a far parte della nostra cultura visiva, Arman sarebbe stato apprezzato per lo stile ormai consapevole, per un linguaggio compiuto in sé. Ed è lampante che l’ultimo decennio sia caratterizzato da una maturità estetica, dati per assunti in via definitiva i contenuti, per cui il pioniere dell’anti-arte finisce a lavorare con Renault e rientra nei ranghi ammiccando al sistema. Ma neppure si può sostenere sia un’abdicazione. Se la Pop Art ha così ostentato il lucore dell’estetica contemporanea, il Nouveau Realisme ne ha pur sempre rappresentato il lato critico e contraddittorio.

Arman ha due opposti moti di relazione verso i suoi oggetti, attrazione e repulsione. Tita Reut arriva a sostenere addirittura una lettura drammatica ed ecologista dell’operato dell’artista. In questo caso però balza all’occhio anche un dialogo nostalgico e tenero con l’oggetto. Distruzione del classico violino, ma mummificazione feticista di dozzinali occhiali da sole; mutilazione inquietante dell’eterna e stanca Venere, ma arresto del tempo per l’orologio del polso presente. Se Arman seziona lo strumento musicale perché una sola forma non basta più, ed all’armonia è preferibile il baccano, non manca però di ritrovare un hasard dirigé nella caoticità contemporanea. Perché i canoni ed i modelli esplodono e sono bersaglio della collera quotidiana, solo quando scopriamo che lo status symbol a cui affidavamo la nostra unicità è replicato in migliaia di copie. L’accumulazione disillude, nega la nozione mentale disperdendola in frammenti. Il poliestere che crea un’aura sintetica, una soglia di passaggio quasi misterica tra l’oggetto e la realtà cui apparteneva, è anche la bara trasparente da cui vedremo con imbarazzo il nostro presente, un giorno. Quel presente che abbiamo ritenuto soddisfacesse a pieno le nostre esigenze e che dimenticheremo con la stessa volubilità con cui l’abbiamo desiderato. Se l’arte classica ha bisogno di rimaneggiamenti perché ormai non basta, l’accumulazione dimostrerà un giorno il fragile destino dell’estetica odierna.

Cosa resta? Il ciclo vitale, quello da cui Duchamp innalzava le sue scelte arbitrarie, quello a cui Arman fa ritorno per fondere e confondere gli elementi in totalità. La morte, che seziona la Danza delle Grazie e ne svela il meccanismo recondito. E la memoria, a costo di essere una vetrina sterile e feticista, salva ciò che siamo dall’oblio, ci riporta alla gioia infantile di accatastare non unicità ma sempre la stessa cosa conosciuta, perché la prima volta ci era piaciuta. E se poi non la scopriremo più così bella, avremmo dovuto pensarci prima di spingere la nostra brama a riempirne il mondo. Come ricorda Restany, non è humour, ma buon senso.

mostra visitata il 5 giugno 2007

“Arman”

Galleria JZ Art Trading, via Fiori Chiari 16 (zona Brera), Milano

Da martedì a sabato 10/13:00 – 14/19:00; lunedì solo pomeriggio; domenica chiuso.

Ingresso libero.

Per informazioni: www.jzart.it; tel: 02/76318243; e-mail: jzart@libero.it

Curatore: Luca Beatrice

Catalogo: Cudemo, testo trilingue

Ufficio Stampa: Cristina Pariset

Tag:, , , , , , , , ,

Post a Comment

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*

Tag Cloud

 

Featured picture
Licenza Creative Commons
La Traccia by Caterina Porcellini is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.
Software Design & Development StefanoAI