26.Apr.07

Luigi Ghirri, Verso un’idea di paesaggio – Galleria Massimo Minini, Brescia

La macchina fotografica che si rivolta contro se stessa. Alla riscoperta dei pezzi tralasciati dell’esistenza. Capita di trovarli su una strada deserta in Emilia Romagna… E’ solo negli anni Settanta che la fotografia esce dall’impasse […]

By

La macchina fotografica che si rivolta contro se stessa. Alla riscoperta dei pezzi tralasciati dell’esistenza. Capita di trovarli su una strada deserta in Emilia Romagna…

E’ solo negli anni Settanta che la fotografia esce dall’impasse in cui l’aveva gettata la controversia tra identità artistica ed oggettualità documentaria; lo fa con una scelta radicale, ovvero una presa di posizione “altra”. In questa mostra la Galleria Massimo Minini si incarica di sottolineare il contributo che Luigi Ghirri (Scandiano, 1943 – Roncocesi, 1992) ha apportato a questo periodo critico, con una rassegna in nuce delle più famose serie fotografiche del decennio (spesso proposte in stampe vintage); aprendo poi alla svolta paesaggistica degli anni Ottanta, cui la Galleria ha dedicato una retrospettiva ad Art Basel 2006. Stando alle dichiarazioni della curatrice, Elena Re, si tratta quindi di un “flash-back” per scoprire i presupposti che porteranno Ghirri alla sua idea di paesaggio.

Sin dagli esordi l’ambiente catturato dall’autore si connota per una forte artificialità; quello ritratto è infatti un mondo “alla seconda”, ambiguamente sospeso tra lacerti di realtà mediocre e ben più attraenti riproduzioni fotografiche. Quello che spesso la critica coeva interpreta come un debito alla pop art, si rivela nel complesso un’indagine linguistica di segno concettuale: già nella serie Kodachrome, la presenza dell’immagine nell’immagine dichiara illusoria la credenza che la fotografia possa avere una presa diretta sulla realtà, che si rivela già codificata. Ecco allora l’allontanamento dal fotogiornalismo bressoniano. Questo non porta però ad una fotografia artistica, dato che tutta l’opera di Ghirri è volutamente scevra da inquadrature d’effetto e ricercatezze stilistiche. Una prospettiva centrale è lo strumento minimo che l’autore adotta per concentrarsi piuttosto sui risvolti mentali dell’opera.

Si procede così di riflessione in riflessione col susseguirsi delle serie, che sviluppano aspetti diversi del problema dell’identità moderna dell’uomo, tutta compresa (e compressa) nel margine di gioco tra verità e copia, immaginario ed omologazione. Nelle serie Catalogo e Colazione sull’erba, l’esistenza umana è percepibile da scelte ambientali minime, scarti e differenze insignificanti se non poste in rapporto reciproco; la texture di una mattonella piuttosto che il taglio geometrico di un alberello significano un tentativo di emergere individualmente, tra migliaia di possibilità analoghe. Risulta aberrante vedere che il sogno di libertà interpretato da Manet nel suo Dejeuner sia stato così miniaturizzato, eppure si tratta di un pensiero autonomo dello spettatore, perché lo sguardo neutro di Ghirri si astiene da un giudizio personale ed è piuttosto volontà di comprensione.

La vera rivincita dell’immaginario, Ghirri la ottiene nella serie Atlante, che non a caso domina la parete centrale della sala. E’ paradossale (e molto concettuale) come il minimo impiego dei mezzi, la semplice ma ragionata ripresa di immagini da un testo scolastico, riesca ad evidenziare la carenza dell’oggetto ad imbrigliare la potenza del pensiero; partendo dalla constatazione che tutte le rotte sono già tracciate, la mente si assenta per intraprendere un viaggio del tutto proprio.

E’ il senso del passaggio, questo margine di differenza tra già deciso e casuale, tra la purezza del riprodotto e la sua riappropriazione ad opera del tempo o della memoria (vedasi Still life), che Ghirri si porta dietro negli anni Ottanta, quando smette il rigore dell’artista concettuale e si concentra sul tema del paesaggio. Resta un approccio minimalista all’esistenza, già evidente ai tempi di Italia ailati, una re-contestualizzazione del singolo elemento per ridargli senso, potenza. La consapevolezza che i non-luoghi, le soglie silenziose dei porticati e le distese sterminate di grano, sono quanto resta dopo l’aggressione dei segni e degli artifici, il punto da cui aprire la realtà a nuove letture.

mostra visitata il 14 aprile 2007

Luigi Ghirri – Verso un’idea di paesaggio
Galleria Massimo Minini
Via Apollonio 68 (bus n.1 dalla stazione)
25128 Brescia
Da lunedì a venerdì 10/19:30 – Sabato su appuntamento – Ingresso libero
Curatrice: Elena Re
www.galleriaminini.it

Per informazioni: tel. 030/383034; e-mail info@galleriaminini.it

Related post:

Tag:, , , , , , , , , , ,

Post a Comment

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*

Tag Cloud

 

Featured picture
Licenza Creative Commons
La Traccia by Caterina Porcellini is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.
Software Design & Development StefanoAI