24.Giu.07

Paesaggio Prossimo – Milano, Spazio Oberdan

Altro che esposizione magniloquente, autocelebrazione di Milano, con la Provincia promotrice della mostra. E’ la resa finale dei conti, in tasca ad una città sezionata con sguardo critico e lingua tagliente. Dodici temi, altrettanti fotografi […]

By

Altro che esposizione magniloquente, autocelebrazione di Milano, con la Provincia promotrice della mostra. E’ la resa finale dei conti, in tasca ad una città sezionata con sguardo critico e lingua tagliente. Dodici temi, altrettanti fotografi e testimoni eccellenti.

L’accesso alla mostra è costituito da una prima sala che sa di stanza dei bottoni, torretta di controllo illuminata dalle cifre rosse e fluorescenti, che cercano di tastare il polso della città attraverso le statistiche. Ma i numeri non riescono a rendere a Milano una propria identità finale. La rassegna solleva dubbi, a volte scopre autentiche falle nel sistema; talvolta emergono risposte, più spesso si guarda e spera nel futuro. L’impressione è quella di una situazione dinamica e propositiva al livello dell’iniziativa singola, persona o istituzione, mentre risalta l’assurda mancanza di una prospettiva d’insieme. Si affidano follemente le grandi risoluzioni all’aleatorietà composita di diverse individualità, perché Milano non sa dire nulla di se stessa ma molto dei propri personaggi.

Per cominciare, la vita culturale risulta meno imbrigliata di quanto si immagini. Massimo Siragusa (Catania, 1958) osserva spazi differenti ma accomunati dall’offrirsi ad accogliere l’avventore, nel rispetto della dimensione umana, che promana persino quando sono deserti. Biblioteche e librerie, teatri e musei, si caratterizzano per un ordine sereno, candido, a volte addirittura foriero di meraviglia. In perfetta concordanza con quanto invita a fare Ermanno Olmi: ignorare l’aspetto citazionista ed istituzionale della cultura per recuperare uno sguardo innocente, indifferente al già detto.

Insolita è anche la visione che Stefano De Luigi (Colonia, 1964) dà del celebrato settore dell’alta moda meneghina. Non è la stereotipata identità aggressiva e corrosiva che passeggia lungo le passerelle, quanto invece un sottile gioco di maschere, identità evanescenti e corpi bellissimi percepiti solo di riflesso. Un lato nascosto, fragile e delicatissimo, di un mondo altrimenti sempre illuminato. Emerge una consonanza con la realtà giovanile osservata da Alex Majoli (Ravenna, 1971), un disagio nel non saper collocare l’ultima generazione attraverso connotazioni ambientali, mentre affiorano gesti e volti autonomi, proiettati in una dimensione slegata, onirica ed introspettiva. La città è invisibile, un alone scuro attorno alla visuale circoscritta del giovane, che percepisce la propria presenza hic et nunc come accidentale.

Altri temi risultano per contro il trionfo della socialità e la base dell’integrazione. Le immagini di Riccardo Venturi (Roma, 1966) ritagliano singole individualità dallo sfondo aperto della gente: l’appartenenza al gruppo resta primaria. Emblematica la fotografia dei tifosi in piazza Duomo durante l’ultimo Campionato Mondiale di Calcio, addirittura si parla italiano più che milanese. All’insegna della comunicazione affronta il suo argomento anche Enrico Bossan (Dolo-Venezia, 1956), che riconosce Milano come capitale dei servizi più che dell’industria. Quasi degli stereotipi se non fosse per l’informalità da reportage, le fotografie spiano gruppi organizzati, una moltitudine in fermento, policentrica e vitale, ma in ogni caso impegnata, febbrile. Molte persone, molti carrelli della spesa, molti monitor. Eppure l’ordine dettato dalla finalità. Dove anche il silenzio è denso, è una pausa di riflessione. Impeccabili infine sono le presenze silenti di Gianni Berengo Gardin (Santa Margherita Ligure, 1930), maestro d’equilibrio nel chiaroscuro che non tramonta mai, discreto osservatore degli outsider di Milano, quelli che con infinita dignità vogliono testimoniare la loro volontà di esserci, di rientrare. L’importanza del vivere senza scadimenti zuccherosi, con estrema sobrietà linguistica. Dignitosi sono anche gli sguardi dei sofferenti di Guido Harari (Cairo, 1952), che lancia flash violenti su carni ferite e provate dal tempo, ma non per questo meno resistenti allo sguardo. Occhi e pose che si oppongono ad una condanna troppo facile.

L’aspetto eroico è proprio quanto si perde a guardare Milano dalla distanza. Gabriele Basilico (Milano, 1944) si arrende davanti ad una città diffusa: niente emergenze architettoniche eccellenti, solo cantieri e prospettive infinite di strade da riempire di relazioni più che di angoli caratteristici. Con atteggiamento fattivo, il fotografo rileva la mancanza di integrazione tra poche strutture vagamente futuristiche e molte infrastrutture di riempimento. Il conflitto è insanabile anche tra l’urbanizzazione e l’atavico elemento naturale, che Daniele Dainelli (Livorno, 1967) reinterpreta in chiave drammatica, quasi epica: a cieli violacei e luci livide si accompagnano scorci di natura ancora selvaggia, luoghi chiusi ed assediati ma ancora carichi di mistero. Intrichi, oscurità, profili neri che si stagliano imponenti. Forse era desiderabile altrettanta verve da parte di Francesco Radino (Bagno a Ripoli-Firenze, 1947), perché certi effetti futuristi alla Bragaglia non sembrano rendere giustizia al ben più complesso tema del movimento e dei trasporti metropolitani.

Perché, se c’è una cosa che da questa rassegna risulta chiaro, è che non sono le persone a muoversi, ma è l’intera Milano a scorrere giornalmente sotto i nostri occhi. La si tiene a stento sotto controllo.

Links correlati:

Fotografi rappresentati da Contrasto

Sito di Enrico Bossan

Sito di Guido Harari

Paolo Pellegrin presso Magnum Photos

mostra visitata il 12 giugno 2007

Paesaggio Prossimo – La provincia di Milano nello sguardo contemporaneo di 12 fotografi”

Spazio Oberdan, Viale Vittorio Veneto 2 (MM 1 fermata P.ta Venezia), Milano

Tutti i giorni 10/19:30, martedì e giovedì fino alle 22:00, chiuso il lunedì

Ingresso libero

Per informazioni: tel. 02-77406300/02; www.provincia .milano.it/cultura

Catalogo: edito da Contrasto-Provincia di Milano, prezzo in mostra € 40

Artisti in mostra: Gabriele Basilico, Gianni Berengo Gardin, Enrico Bossan, Lorenzo Cicconi Massi, Daniele Dainelli, Stefano De Luigi, Guido Harari, Alex Majoli, Paolo Pellegrin, Francesco Radino, Massimo Siragusa, Riccardo Venturi.

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Post a Comment

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*

Tag Cloud

 

Featured picture
Licenza Creative Commons
La Traccia by Caterina Porcellini is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.
Software Design & Development StefanoAI